regolamento per la raccolta dei funghi

Ci accingiamo a vivere gli ultimi sprazzi d’estate, periodo dell’anno ideale per dedicarsi alla raccolta dei funghi di cui il sottobosco dei boschi di Madonna di Campiglio e, in generale, della Val Rendena, è ricco per numerosità e varietà. Non si tratta, tuttavia, di un’attività da improvvisare: di seguito è possibile consultare il regolamento da seguire e rispettare per la raccolta funghi.

 

Denuncia inizio attività e pagamento tassa

Innanzitutto, è opportuno fare denuncia d’inizio attività per la raccolta dei funghi. Tale operazione è eseguibile presso una qualsiasi banca, l’ufficio Pro Loco di Carisolo, gli uffici comunali, l’azienda per il Turismo di Pinzolo, l’azienda per il Turismo di Madonna di Campiglio, e va accompagnata dal versamento della tassa sul nuovo C.C.B. intestato al Comune di Pinzolo come di seguito.

BANCO BPM S.P.A. FILIALE DI PINZOLO – VIA A. CAOLA – 38086 PINZOLO – IBAN DEL COMUNE DI PINZOLO IT 45 K 05034 35260 000000010198
Causale “Tassa per la raccolta funghi” + le generalità dell’interessato e il periodo di raccolta.

 

Tariffe per periodo di raccolta funghi

€ 10,00 per un periodo di raccolta di giorni 1 – tariffa agevolata € 5,00
€ 20,00 per un periodo di raccolta di giorni 3 – tariffa agevolata € 10,00
€ 30,00 per un periodo di raccolta di una settimana – tariffa agevolata € 15,00
€ 40,00 per un periodo di raccolta di due settimane – tariffa agevolata € 20,00
€ 60,00 per un periodo di raccolta di un mese – tariffa agevolata € 30,00
€ 120,00 per un periodo di raccolta di giorni 90 – tariffa agevolata € 60,00
€ 200,00 per un periodo di raccolta di giorni 180 – tariffa agevolata € 100,00

 

La disciplina per la raccolta dei funghi

Ricordiamo, inoltre, che secondo quanto previsto dal regolamento sovracomunale L.P. 23 maggio 2017 n° 11:

  • la raccolta non deve eccedere i due chilogrammi al giorno per persona (siano i funghi commestibili o non commestibili);
  • i minori di anni dieci possono esercitare la raccolta se accompagnati da un familiare in possesso di ricevuta di pagamento;
  • è obbligatoria la pulizia sommaria dei funghi sul posto di raccolta e il loro trasporto esclusivamente a mezzo contenitori forati e rigidi, mentre è vietato ai fini della raccolta stessa l’impiego di rastrelli, uncini e altri mezzi che possono danneggiare lo strato umifero del terreno;
  • è vietata l’attività di raccolta dei funghi dalle ore 19:00 alle ore 7:00;
  • la ricevuta che attesta l’avvenuta denuncia d’inizio attività è personale, ha validità fino al massimo di un mese e abilita alla raccolta nell’ambito dei territori ricadenti al di fuori del parco naturale Adamello Brenta e di tutti i Comuni della Val Rendena (all’interno dei tali confini, la raccolta è invece consentita ai soli residenti in un comune della provincia di Trento oppure ai non residenti purché questi vi soggiornino a scopo turistico per almeno cinque giorni consecutivi fermo restando l’obbligo della denuncia e del pagamento);
  • possono ricorrere all’agevolazione del pagamento nella misura del 50%
    • le persone che soggiornano a scopi turistici in un comune della provincia di Trento per almeno tre giorni consecutivi
    • le persone che sono state anagraficamente residenti per almeno cinque anni o hanno un genitore anagraficamente residente in un comune della provincia di Trento
    • le persone che sono titolari di un diritto di proprietà o altro diritto reale su immobili adibiti a uso abitativo ubicati i uno dei comuni aderenti al regolamento sovracomunale dell’ambito territoriale della Val Rendena.